L’isola d’Ischia info su cultura e mare

L’ISOLA DI ISCHIA

Il comune di Ischia è il comune capoluogo dei 6 che compongono l’isola d’Ischia (NA), e grazie alla presenza del porto, accoglie l’ottanta per cento di quanti scelgono Ischia per le proprie vacanze.
Sono tante le peculiarità che caratterizzano la splendida isola ischitana: Partendo dalla collina e arrivando al mare, passando per una serie di borghi caratteristici, le terme, il sole, l’enogastronomia, tanta cultura e tante tradizioni storiche.

LE ATTRAZIONI TURISTICHE

• Ischia ‘Ponte’, è il borgo per eccellenza, che si trova nel lato orientale dell’isola dove, tra l’altro, c’è l’icona dell’isola di Ischia, che è rappresentata dal Castello Aragonese, proprio lì dove operano i pescatori, dove risiedono, dove fanno vedere cosa sanno fare e soprattutto qual è la loro arte, perché anche la pesca può essere considerata un’arte ad Ischia. Un’arte per la quale i turisti restano spesso incantati quando aggiustano le proprie reti o quando sbarcano il pescato di prima mattina.
Qui va in scena un vero e proprio mercato del pesce, che è diventato una caratteristica di Ischia, in quanto riesce ad attirare non solo i residenti, ma anche tanti turisti, che vanno a godersi lo spettacolo dei gabbiani festanti. Tutto questo, concentrato in pochissimi metri quadri, è ciò che ha da offrire il tanto amato borgo di Ischia Ponte.

• La presenza religiosa, nel borgo antico di Ischia, è molto prominente.
Troviamo infatti, l’antica cattedrale e alcune importanti chiese, una tra le quali la chiesa dello Spirito Santo, costruita nel XVII secolo e voluta fortemente dai marinai e dai pescatori del borgo. Di origini molto antiche, queste costruzioni, hanno vissuto la storia e tutte le sue vicissitudini, che hanno comportato la distruzione di alcune importanti opere, mentre altre sono riuscite ad essere portate in salvo.
In particolare menzioniamo il famosissimo Cristo, un’opera di scuola napoletana, ma che si rifaceva all’arte catalana. Il Battistero, dove fu battezzato, nel 15 agosto del 1654, Carlo Gaetano Calosirto, che diverrà il futuro San Giovan Giuseppe della Croce, il patrono d’Ischia. La tela della Pentecoste, la tela della Madonna delle Grazie, il crocifisso ligneo, diffuso con la beatificazione di San Giovan Giuseppe della Croce, nonché la sua statua lignea di arte napoletana, sono solo alcune tra le più importanti delle opere che potrete trovare su quest’isola.

• Il Castello Aragonese, uno dei simboli di Ischia, è un episodio architettonico e urbanistico di rara bellezza e anche di rara conformazione, dato che è posto su di un isolotto che si trova in mezzo al mare e che è collegato all’Isola d’Ischia attraverso un pontile in muratura. In epoca pre-aragonese, era addirittura isolato in mezzo al mare, per cui raggiungibile soltanto con imbarcazioni.
Il Castello Aragonese è stato allo stesso tempo sia una residenza reale, che una cittadella fortificata, basti pensare che alla fine del 500 vi abitavano circa duemila famiglie, con la presenza, inoltre, di 13 chiese, tra cui 6 parrocchie e la Cattedrale dell’Assunta.

• L’itinerario enogastronomico, una volta arrivati ad Ischia non va trascurato questo importante aspetto. Infatti è possibile degustare i piatti tradizionali del borgo, partendo, ovviamente, dal pesce, e quindi: La paranza, gamberi, merluzzi, polipi, scorfani, merluzzi, ricciole, che vengono cucinati nel rispetto delle proprie tradizioni. Ma troviamo anche la parmigiana di melanzane e soprattutto il coniglio all’ischitana, cucinato con pomodorini freschi, una foglia di basilico, nel tegame di terracotta.
Il vino, un’altra eccellenza ischitana, importante per via della presenza delle tantissime cantine e dei tantissimi vitigni. La Biancolella, un vino di qualità, proveniente da vitigni autoctoni, che viene prodotto in molte case.

• Il benessere, assicurato dalla presenza del bellissimo mar Tirreno che bagna le spiagge ischitane rendendo mite il clima e soprattutto donando all’isola un fascino da cartolina. Sono possibili da svolgere le immersioni subacquee per scoprire le meraviglie archeologiche nascoste nei fondali dell’isola.

• Le terme, conosciutissime anche all’estero, col tempo hanno reso Ischia una stazione importante di cura e soggiorno, collocandola tra le mete più gettonate dai circuiti turistici.
E’ possibile, inoltre, usufruire dei percorsi benessere, comprendenti bagno turco, piscine termali, massaggi e cascate.

Pin It