Perchè visitare Boston e cosa vedere nella “culla d’America”

È una delle perle degli Stati Uniti, la controparte piccola e tranquilla di New York, lontano dal caos della grande metropoli: parliamo di Boston, la città rivoluzionaria, la città fondata per prima nella conquista europea dell’America, dai puritani inglesi sbarcati nel 1630. Ed è incredibile come la città da cui è partita la sanguinosa lotta per l’Indipendenza sia, ancora oggi, spiccatamente europea, con le zone del centro che sembrano un quartiere di Londra, le stradine che ricordano le atmosfere di Dublino, ma anche con i ristorantini del North End che sembrano l’Italia.

Cosa non perdere in una visita a Boston

È chiamata anche la walking city, Boston, perché a piedi si arriva ovunque: si passeggia a Beacon Hill, il quartiere più antico e più elegante, fino al Common, la piazza-giardino cuore della città storica. Da qui si segue la linea rossa del Freedom Trail che attraversa la città in una passeggiata storico-turistica sulla «strada della rivoluzione», passando dagli edifici storici, per chiese seicentesche chiuse tra scintillanti grattacieli, da pub e taverne fuori dal tempo dove fare tappa per un una clam chowder, la zuppa di vongole tipica della città. A piedi si arriva fino al mare, dove si percorrono le nuove strade-giardino nate dall’imponente progetto di ristrutturazione urbana e si raggiunge il porto dove, il 16 dicembre 1773, i “Figli della Libertà”, travestiti da pellerossa, assaltarono tre navi della Compagnia Inglese delle Indie buttando in mare le casse del prezioso tè che trasportavano: è il Tea Party, l’inizio della rivoluzione di cui Boston è stata il cuore pulsante. Oltre che culla di storia, Boston è anche culla di cultura: nella città di Cambridge – ormai inglobata nella metropoli – si trovano due delle università più famose del mondo. Harvard è un continuo susseguirsi di edifici storici – sono oltre quattrocento! – tra cui l’Harvard Art Museum (con un’espansione progettata dall’architetto Renzo Piano), il notevolissimo Harvard Museum of Natural History e la Christ Church, mentre il Massachusetts Institute of Technology (MIT), è più recente ma di certo non meno affascinante.

Qualche curiosità su Boston

  • Boston è la città più antica d’America, e prende nome da una città inglese: alcuni dei coloni inglesi che sbarcarono nel Nuovo Mondo, infatti, erano originari di Boston nel Lincolnshire, e quindi decisero di mantenere il nome della loro casa natia.
  • A Boston si trova il parco pubblico più antico degli Stati Uniti: è il Boston Common e risale al 1634, quattro anni prima che venisse fondata la città.
  • I Red Sox, la squadra di baseball di Boston e la più antica della lega, ha brevettato un colore nuovo: è il Green Monster™ Green, in onore del suo mitico stadio Fenway Park e del suo muro soprannominato Green Monster.
  • A Boston si possono vedere le balene: basta scegliere uno dei molti tour organizzati in partenza dal porto, e a bordo di un catamarano che naviga al largo della costa, è possibile vedere megattere, balenottere e delfini nuotare liberi nell’oceano.
Pin It