Le proprietà e i benefici della quinoa

La quinoa è un superfood di tendenza degli ultimi anni. Si classifica come pseudocereale e viene utilizzata in cucina per la realizzazione di gustose insalate o polpette. La quinoa è assente della proteina del glutine per cui si rivela come alimento ideale da inserire nella dieta dei celiaci. La pianta appartiene alla famiglia degli spinaci e delle barbabietole per cui si può cucinare e condire allo stesso modo di queste verdure. La quinoa ha molte proprietà nutritive utili per l’organismo. Scopriamo quali sono queste.

Quinoa: proprietà

Dal punto di vista nutrizionale 100 grammi di quinoa apportano all’organismo circa 368 kcal, un consistente apporto calorico ed energetico. La quinoa è ricca di proteine, di importanti sali minerali come il magnesio, il potassio, il ferro e lo zinco, di carboidrati e di fibre. Queste ultime aiutano a migliorare le funzioni e il transito intestinale, stimolando la peristalsi ed evitando l’insorgere di stipsi e stitichezza. La quinoa contiene molte sostanze antiossidanti dalle proprietà antinfiammatorie e utili a contrastare la pericolosa azione dei radicali liberi, i maggiori responsabili dell’invecchiamento cutaneo e della moltiplicazione cellulare anomala, responsabile della comparsa di tumori. La quinoa è ricca di amminoacidi essenziali e ha un basso indice glicemico. Si rivela quindi adatta anche per la dieta dei diabetici.

La quinoa ha un alto potere saziante, può essere mangiata da chi è in sovrappeso, è priva di colesterolo e si adatta alla dieta di chi soffre di ipercolesterolemia e pressione alta. La quinoa aiuta anche la salute dei reni.

Quinoa: controindicazioni

Un alimento come la quinoa può avere controindicazioni al suo consumo? In alcuni casi sì. Innanzitutto assumere quinoa può essere problematico per i soggetti allergici. Bisogna poi ricordare che la quinoa contiene delle sostanze potenzialmente tossiche come le saponine, che si eliminano soltanto previa perfetta preparazione dei semi di quinoa, che devono essere messi in ammollo prima della cottura.

Quinoa: come prepararla per il consumo

Ma come si cucina la quinoa? Come si può preparare per il consumo? Nel paragrafo precedente abbiamo accennato a qualcosa ossia al lavare i suoi chicchi sotto abbondante acqua corrente prima della cottura per eliminare la saponina, una sostanza amara e sgradevole che li ricopre. Dopo il lavaggio la quinoa si può cuocere nell’acqua, nel latte o nel brodo di carne o vegetale. Una ricetta classica è quella di far bollire in acqua salata la quinoa per un quarto d’ora. Nello specifico possiamo dire che le quantità corrette sono 150 ml di acqua ogni 70 grammi di quinoa. Terminata la cottura si può scolare la quinoa, metterla in un piatto e condirla con verdure miste saltate in padella come carote, broccoli e zucchine, irrorate in un secondo tempo da spezie, erbe aromatiche e olio extravergine di oliva.

La quinoa si può anche cuocere al forno, al vapore e persino nel microonde, in un contenitore con due bicchieri di acqua. L’alimento si presta quindi ottimamente a molte varianti di cottura e, di conseguenza, a diverse ricette. Quelle più conosciute sono le insalate di quinoa ma questa si può utilizzare anche per preparare antipasti e dolci. La quinoa si abbina bene agli spinaci, con cui si può preparare una zuppa calda e nutriente. Può essere utilizzata insieme al cioccolato per realizzare un dessert goloso oppure si possono preparare stuzzicanti antipasti come le polpette di quinoa con i cavolfiori. La quinoa si abbina poi molto bene al curry e ai peperoni gialli e può essere utilizzata per realizzare deliziosi sformati.

 

Pin It