Alimentazione senza glutine

L’alimentazione senza glutine è l’unico valido strumento terapeutico per trattare coloro che soffrono di celiachia. Questa consiste in un’intolleranza permanente al glutine.

IL GLUTINE E LA CELIACHIA

Il glutine è una complesso proteico composto da prolammina e glutenina. Il glutine è presente in alcuni cereali come il frumento, il farro, il segale e l’orzo; ed è, a livello chimico, insolubile in ambiente acquoso. La celiachia è un’infiammazione cronica dell’intestino tenue, scatenata dall’indigestione del glutine. Infatti, i soggetti celiaci, non tollerano la prolammina e sviluppano, nel caso di assunzione prolungata di glutine, l’atrofia dei villi, fino alla loro scomparsa. Questo è un grande problema perché i villi sono responsabili dell’assorbimento delle sostanze nutritive e sono perciò molto importanti. L’unico rimedio è una permanente dieta priva di glutine.

ALIMENTAZIONE SENZA GLUTINE NEI CELIACI E NEGLI SPORTIVI

L’eliminazione totale del glutine, per quanto riguarda l’alimentazione, migliora di molto le condizioni del celiaco. Una dieta senza glutine consiste nel non assumere gli alimenti che lo contengono, sostituendoli con altri ingredienti privi di glutine come l’avena, il miglio, il grano saraceno, l’amaranto, la quinoa e altri prodotti con i quali si produce pasta e pane. Per quanto riguarda la frutta, i legumi, la frutta secca, oli e verdure, non c’è nessuna limitazione e la stessa cosa vale per tutti i prodotti di origine animale non trasformati. L’alimentazione senza glutine è obbligatoria per i celiaci ma viene scelta anche da persone che non ne hanno bisogno. Ovviamente deve essere prescritta e studiata da un medico nutrizionista, poiché cambia in base alla persona. L’eliminazione del glutine è scelta soprattutto dagli atleti, e i miglioramenti che finora sono stati riscontrati in pazienti sani che hanno adottato questo stile di vita sono:

  • miglioramento di sintomi quali il gonfiore addominale, disturbo ricorrente in coloro che soffrono di intestino irritabile;
  • miglioramento della digestione;
  • riduzione del rischio di allergie e sindromi correlate;
  • miglioramento del decorso clinico in persone che soffrono di disturbi psichiatrici.

Come abbiamo detto, l’eliminazione del glutine dalla propria alimentazione, viene scelta da molti sportivi poiché sostengono di migliorare così la propria concentrazione, la propria resa energetica e quindi le performance. Tuttavia questi risultati non sono stati riscontrati negli studi effettuatati in merito; che evidenziano invece un minor rischio di anafilassi indotto dall’attività fisica. Quindi al momento non possiamo avere conclusioni certe riguardo l’efficacia della dieta senza glutine in ambito sportivo.

ALIMENTAZIONE SENZA GLUTINE PER I NON CELIACI

Ma l’alimentazione senza glutine è scelta anche da tantissime persone che vogliono stare attente alla propria forma fisica, anche se questa dieta, adottata da chi vuole perdere peso e mangiare in modo sano, spesso comporta degli errori, perché i prodotti che si trovano al supermercato e che dichiarano di essere senza glutine, contengono in realtà grassi e zuccheri e quindi non sono idonei per una dieta dimagrante. Anche se il glutine viene spesso eliminato dalla propria alimentazione per perdere chili, esso, come specificato dall’AIC (Associazione Italiana Celiachia), non ha proprietà dimagranti. Come per tutti gli alimenti, è la quantità e la qualità che influenzano il peso. Ecco quindi alcuni consigli per un’efficace dieta senza glutine:

  • assumere pasta gluten free con moderazione, non tutti i giorni e solo a pranzo;
  • assumere dolci solo una o due volte alla settimana, preparandoli in casa e che contengano pochi zuccheri;
  • utilizzare pseudocereali (chia, amaranto, grano saraceno) perché hanno un indice glicemico più basso e più proteine; e che non contengano glutine, come la quinoa;
  • non utilizzare il riso: si pensa che sia un cereale dietetico in realtà contiene molte calorie;
  • evitare spuntini con gli snack, preferendo uno yogurt o un frutto fresco. Consigliati anche i frullati e gli smoothies, che fanno bene alla salute e anche alla pelle;
  • scegliere a colazione latte parzialmente scremato ed evitare le merendine gluten free che sono comunque caloriche;
  • si ai legumi: fonte di proteine e carboidrati completamente vegetali, poveri di grassi e ricchi di fibre. Naturalmente sono senza glutine ed ecco perché sono consigliati anche quando scegliamo la farina da utilizzare: una farina di legumi è sicuramente un’ottima alleata per la dieta.
Pin It