La vendita dell’antiquariato nel 2020 tra aste online e nuove piattaforme

La vendita dell’antiquariato nel 2020? D’accordo, si parla di antiquariato, di oggetti che hanno anche centinaia di anni, che provengono da epoche lontane, ma non per questo il loro mercato è obsoleto. Nel 2020 – in realtà da una decina di anni, ormai – anche la vendita di antiquariato è online: dai siti web degli antiquari, i tour virtuali degli show room, i cataloghi online, fino alle case d’asta totalmente trasposte sul web.

La vendita dell'antiquariato nel 2020

Le aste elettroniche sono state il più grande cambiamento se si pensa che per decenni, secoli, sono rimaste immutate e nel mondo reale, con le loro consuetudini, rituali, suoni nonché la possibilità di vedere dal vivo i beni in vendita.

Ora avvengono online o tramite i cataloghi, oppure in diretta live e streaming dove comodamente da casa si può partecipare all’asta reale. Le aste elettroniche possono essere gestite sia internamente nel sito web della casa sia tramite una piattaforma dedicata come bid-KIT, portale specializzato in questi servizi per le case d’asta.

Tra le diverse tipologie di aste elettroniche, quella più evoluta e sempre più diffusa da un paio di anni a questa parte è quella e-live: totalmente automatizzata e virtuale, dove un battitore virtuale scandisce i tempi e propone in successione i diversi lotti basandosi sulla presenza o meno di rilanci da parte degli utenti. Sembra pura fantascienza se si pensa alle famose aste di Christie’s, degne di film del Novecento come La migliore offerta di Tornatore o la sempiterna scena dell’asta in Sherlock Holmes: gioco di ombre.

La realtà è che il mercato antiquario, a dispetto della tipologia di beni di cui è fatto, ha saputo adeguarsi e progredire strepitosamente. Forse è proprio questa la sua natura, come quella dei suoi elementi: saper resistere all’incedere del tempo, sopravvivere alle mode e ai cambiamenti anche quelli più rivoluzionari per attraversare i secoli e mantenere invariato il suo valore. Già, perché nonostante la crisi colpisca settori di lusso come questi, la vendita di antiquariato online è inarrestabile e non conosce crisi vera e propria. Gli amanti del bello, della storia, delle arti sono stati, sono e saranno sempre presenti e propensi ad acquistare e salvaguardare beni di antiquariato siano essi vasi, tappeti o mobilia, ma anche arredi da giardino, o numismatica e opere rare.

Quindi, l’intelligenza degli antiquari sta nel sapersi adattare al cambiamento del mercato, degli usi e costumi di vendita e acquisto, per poter continuare ad intercettare gli appassionati di antiquariato.

Ora nel XXI secolo li intercettano, appunto, così, tramite il web: partendo da siti ricchi e sempre aggiornati, passando per i cataloghi in pdf o online accessibili tramite registrazione, esplorando gli showroom con i tour virtuali come in https://www.antichitafiorillo.it/Virtual_tour.asp?lingua=ita, fino a dare la possibilità di acquistare o partecipare ad un’asta online.

Le aste possono essere di quattro forme: asta tramite catalogo dove la raccolta delle offerte non viene visualizzata, oppure con le offerte correnti visibili; asta reale con trasmissione in diretta streaming a cui si può partecipare tramite registrazione web; infine, la già citata asta interamente automatizzata che in sé e per sé è totalmente virtuale.

Ma non solo di aste è fatta la vendita di antiquariato online nel 2020: restano sempre presenti i portali o sezioni dedicate di e-commerce come eBay o catawiki.it nei quali è possibile fare acquisti direttamente o, anche lì, partecipare ad un’asta dove il miglior offerente si aggiudicherà il bene.

In conclusione, la vendita di antiquariato online si sta imponendo come la padrona del settore, perché stando al passo con i tempi permette ai collezionisti e agli appassionati di tutto il mondo di accedere ad un patrimonio immenso, a tutte le collezioni esistenti in ogni luogo del mondo: un viaggio nel tempo e nello spazio, restando immobili.

Pin It