Come ci si comporta in casa con indumenti e scarpe

In tempi particolari come quelli che stiamo vivendo a causa del coronavirus, tutte le accortezze in materia di sanificazione sia degli ambienti che delle persone sono da non sottovalutare.

Nello specifico, si sono rese necessarie soprattutto nelle aree del Nord Italia, interventi straordinari nell’ambito delle pulizie appartamenti padova.

Ciò che è stato sottolineato è che bisogna prestare attenzione anche agli indumenti e alle scarpe che utilizziamo per uscire.

Il motivo principale è che il virus rimane attivo nove ore sull’asfalto quindi, di conseguenza, anche le suole potrebbero essere contaminate.

La raccomandazione principale sarebbe quella di lasciare fuori dalla porta sia scarpe che giacconi; che sia sullo zerbino o sul balcone poco importa.

La cosa fondamentale è che non bisogna abbassare la guardia mai, neanche in casa: superfici, sedie, water, pavimenti, maniglie, interruttori e lavandini dovranno essere disinfettati quotidianamente.

Per questo importante argomento, si è esposta anche GreenPeace che ha suddiviso gli ambienti domestici in due zone precise:

  • zone cuscinetto,
  • aree di vita.

Le zone cuscinetto sono le aree di ingresso dove poter lasciare tutto ciò che è infettato in una cesta, evitare i piedi nudi nella zona cuscinetto e utilizzare le pantofole per la zona giorno.

Attenzione massima anche ai contatti

La fatica più grande non sono le pulizie straordinarie che diventano, per forza di cose, ordinarie o il sottostare a determinate regole ma il riuscire, quanto più possibile a mantenere la distanza dai propri cari anche nella stessa abitazione.

Dobbiamo fare un sacrificio tutti quanto in questo periodo, la regola principale è mantenere le distanze anche in famiglia.

Per quanto riguarda cose di genere elettronico come smartphone, computer e dispositivi che si hanno a disposizione è bene pulirli ogni giorno dopo averli spenti.

Un panno in micro-fibra sarà l’ideale che, in aggiunta ad una soluzione di sapone per i piatti ed acqua calda, potrà essere perfetto per pulire queste superfici.

Altre regole fondamentali, anche se è stato ripetuto all’infinito riguardano il lavaggio e la disinfezione delle mani sono la chiave per prevenire l’infezione.

Ci si dovrebbe lavare le mani spesso e accuratamente con acqua e sapone per almeno 60 secondi. Se non sono disponibili acqua e sapone, è possibile utilizzare anche un disinfettante per mani a base di alcool, con una concentrazione di alcool che dovrà essere perlomeno del 60%.

Certe cose è bene ribadirle anche se possono sembrare scontate, da evitare di condividere spazzolini da denti, sigarette, utensili da cucina.

Le stoviglie devono essere pulite con sapone o detersivo e acqua dopo l’uso e possono essere riutilizzate; pulire e disinfettare le superfici più frequentemente toccate come comodini, giroletti e altri mobili della camera da letto e bagno ogni giorno con un normale disinfettante domestico contenente soluzione di candeggina diluita (candeggina in una parte per 99 parti di acqua); pulire vestiti, lenzuola, asciugamani e teli da bagno usati dalle persone malate in lavatrice a 60-90 °C.

Il periodo che stiamo vivendo è particolarissimo, ogni giorno vi è un bollettino di casi gravi in aumento, ragion per cui osservare delle semplici regole è la minor cosa rispetto al calvario che, purtroppo, stanno attraversando le persone che hanno contratto questo maledetto virus.

Pin It