Cosa fare in caso di caduta accidentale per strada

Cosa fare se si cade per strada a causa di una buca o di una radice di albero sporgente? Negli ultimi anni sono aumentate le richieste di risarcimento da caduta in strada verso i comuni, da parte dei loro cittadini. Il motivo è abbastanza semplice: ci sono troppi comuni che non tutelano e curano abbastanza il manto stradale e la sua integrità, così sull’asfalto si creano spesso delle buche, o dei piccoli crateri sul marciapiede che possono causare la caduta del ciclista che sta percorrendo la strada o del pedone che sta camminando. Inoltre buche e radici sporgenti possono anche danneggiare auto e mezzi di trasporto, possono bucare gomme delle biciclette e pneumatici. Insomma, in tutti questi casi un pedone o un ciclista ha diritto al risarcimento danni per caduta, richiesta di risarcimento che deve essere mossa direttamente al Comune nel quale ricade il tratto di strada di competenza.

Quando è responsabile il Comune per il risarcimento da caduta? 

Per far scaturire la responsabilità del Comune per il risarcimento da caduta è necessario che ci fosse un marciapiede sconnesso, un tombino posizionato male, un buco in strada che ha causato la caduta. Il Comune, generalmente, in quanto custode della strada, è colui che ai sensi del codice civile è chiamato a rispondere del risarcimento danni da caduta in strada. 
A chi spetta la dimostrazione della responsabilità del Comune? Colui che ha subito il danno non è tenuto a doversi impegnare per dimostrare che il Comune è responsabile della presenza di buche in strada o di marciapiedi sconnessi. Tutto ciò che deve fare è dimostrare che esiste, ad esempio, la buca in strada e che ha subito dei danni causati dalla buca stessa. 
Il tipo di danno subito deve essere quantificato da parte di un perito. Spetterà al Comune convenuto in causa dimostrare che la caduta è avvenuta non per sua responsabilità, ma per caso fortuito, cioè al di fuori della sua responsabilità. 

Come ottenere il risarcimento da caduta in strada dal Comune 

Non c’è nulla di più sbagliato che pensare che per ottenere il risarcimento da caduta in strada dal Comune sia sufficiente mandare una lettera indirizzata al Municipio. 
Molte persone fanno così, pensando che ottenere il risarcimento dal Comune sia molto semplice, e non si curano neppure di procurarsi alcuni testimoni e prove di quanto effettivamente avvenuto: questa strategia è sbagliata e porta facilmente all’archiviazione del caso, senza alcun tipo di risarcimento. 
Al contrario, la cosa giusta da fare è affidarsi subito ad un team di esperti per il risarcimento danno da caduta in strada che curi la fase stragiudiziale e quella, eventuale, giudiziale per cercare di ottenere il risarcimento. Bisogna cercare di affidarsi ad un esperto che possa contattare eventuali testimoni e raccogliere tutti quegli elementi che possono comprovare la responsabilità del Comune per lo stato della strada o del marciapiede per ottenere un risarcimento adeguato.

Pin It