Baccalà in umido: ricetta e procedimento

Cucinare il pesce significa portare in tavola un secondo leggero e allo stesso tempo ricco di proprietà nutritive assolutamente preziose per l’organismo. Tra i piatti di pesce sicuramente più graditi al palato di chi è riunito a tavola, c’è il baccalà, un ingrediente principe della cucina italiana, protagonista assoluto delle più varie ricette regionali. Cucinare il baccalà è alla portata di tutti, sia in termini di spesa per la realizzazione della ricetta che per la semplice conservazione del piatto. Questo pesce è molto versatile e si presta alla creazione di diverse ricette. Il baccalà infatti può essere cotto al forno, fritto o pastellato, accompagnato ai ceci o alla pasta, cucinato con patate, peperoni e olive oppure fatto in umido. Proprio quest’ultima è la versione di cui vi forniremo la ricetta e il procedimento. Il baccalà in umido può essere un secondo gustoso adatto al pranzo di tutta la famiglia o per una cena a base di pesce. Prepararlo è molto semplice e nessuno a tavola resisterà in particolare al suo sugo di cottura a base di capperi e olive. Scopriamo dunque come preparare il baccalà in umido.

Ingredienti

Per preparare il baccalà in umido per l’appetito di 4 persone avrete bisogno dei seguenti ingredienti:

  • 500 grammi di baccalà dissalato;
  • 100 grammi di farina bianca 00;
  • 600 grammi di passata di pomodoro;
  • 1 cipolla;
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • 60 grammi di olive taggiasche;
  • 30 grammi di capperi sotto sale;
  • 1 cucchiaio di origano;
  • mezzo bicchiere di vino bianco;
  • sale q.b.
  • pepe nero q.b.

Procedimento

Per preparare il baccalà in umido prendete i capperi e sciacquateli per bene e a lungo sotto il getto di acqua fredda corrente del rubinetto del lavello della vostra cucina. Prendete quindi il baccalà, controllate che non ci sia la presenza di lische ed eventualmente toglietele con una pinza da cucina. Tagliate quindi il pesce in quattro parti lasciandogli la pelle. Prendete ora la cipolla, mondatela e affettatela. Mettete una pentola sul fuoco, versatevi l’olio di oliva e i pezzi di cipolla, fate rosolare per 5 minuti. Infarinate il baccalà e mettete i pezzi di pesce nella pentola. Fate dorare e sfumate con il vino bianco. Aggiungete la passata di pomodoro, le olive, i capperi, l’origano, un pizzico di sale e uno di pepe nero. Amalgamate con un cucchiaio e coprite con un coperchio. Fate cuocere per 40 minuti a fiamma bassa. Trascorso il tempo il baccalà in umido sarà pronto.

Alcuni consigli

Vi abbiamo spiegato come cucinare un secondo di pesce davvero semplice quanto nutriente e invitante come il baccalà in umido. Ecco ora alcuni consigli inerenti la preparazione, la conservazione e la presentazione del piatto a tavola. Innanzitutto potete rendere il baccalà in umido maggiormente invitante cercando di mantenere il suo sugo di cottura il più liquido possibile. Questo perché potrete servire il piatto accompagnato da fette di pane casereccio utili ai commensali per essere intinte nel sugo e deliziare ancora di più il palato. Se invece volete conferire al baccalà in umido una nota più piccante, potete aggiungere al sugo un pezzetto di peperoncino sminuzzato. Potete infine servire il pesce accompagnato con del prezzemolo fresco e possibilmente appena colto.

Per quanto riguarda la conservazione del baccalà in umido, dovete ricordare che il pesce è un alimento che deperisce in fretta per cui potete riporre il baccalà in frigorifero e tenerlo lì per un massimo di due giorni. Eventualmente potete congelare il vostro baccalà in umido ma esclusivamente se avete adoperato ingredienti freschi e non già congelati in precedenza.

 

Pin It